2011 – Entrata in vigore della Decisione (UE) 1194/2011. Lavori preparatori.

2012 – Lavori preparatori.

2013 – Prima selezione dei siti aperta, su base volontaria, agli Stati membri che non hanno partecipato all’iniziativa intergovernativa (Austria, Danimarca, Estonia, Finlandia, Irlanda, Lussemburgo, Paesi Bassi, Regno Unito, Svezia).

2014 – Prima selezione dei siti aperta, su base volontaria, agli Stati membri che hanno partecipato all’iniziativa intergovernativa (Belgio, Bulgaria, Cipro, Francia, Germania, Grecia, Italia, Lettonia, Lituania, Malta, Polonia, Portogallo, Repubblica Ceca, Romania, Slovacchia, Slovenia, Spagna, Ungheria), con possibilità di ricandidare i siti già partecipanti all’iniziativa intergovernativa nel 2006.

2015 – Selezione di un sito per ciascuno Stato membro.

2016 – Primo monitoraggio dei siti che hanno conseguito il Marchio del patrimonio europeo.

2017 – Selezione di un sito per ciascuno Stato membro.

2018 – Prima valutazione esterna dell’iniziativa Marchio del patrimonio europeo.

2019 – Selezione di un sito per ciascuno Stato membro.

2020 – Secondo monitoraggio dei siti che hanno conseguito il Marchio del patrimonio europeo.

2021 – Selezione di un sito per ciascuno Stato membro.

2023 – Selezione di un sito per ciascuno Stato membro.

2024 – Terzo monitoraggio dei siti che hanno conseguito il Marchio del patrimonio europeo. Seconda valutazione esterna dell’iniziativa Marchio del patrimonio europeo.